Intervista a Maria Grazia Bizzarri (head of people development, reward and transformation Nexi)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

QUALE RUOLO HA IL WELFARE IL NEXI OGGI?
L’attuale situazione ha investito il welfare aziendale di un nuovo ruolo, il caring per le proprie persone: un passaggio cruciale da strumento di scontistica a soluzioni personalizzate. E’ diventato una leva strategica per consolidare l’identità aziendale e per stabilire un patto di fiducia e attenzione con i propri collaboratori. Questo nuovo ruolo si innesta e completa quello più tradizionale del welfare, ossia attrarre, motivare, far crescere e trattenere i talenti.


QUALI SONO LE NUOVE SFIDE DEL WELFARE AZIENDALE?
La sfida più grande del welfare aziendale è di saper dedicare attenzione e ascolto alle proprie persone per disegnare un’offerta diversificata, su misura o, come si dice, sartoriale. Per essere efficace, un piano di welfare deve tenere in considerazione e aggiornare regolarmente due fattori: chi sono le mie persone e qual è il loro contesto specifico di riferimento. A partire da questi due elementi, la capacità innovativa di un’azienda sarà quella di saper modulare in maniera flessibile l’offerta di welfare, Per riuscirci è necessario che il welfare diventi uno strumento trasversale alle varie funzioni aziendali: non è più un tema in capo solo risorse umane o al welfare manager, ma per esempio coinvolge anche la funzione Diversity & Inclusion, quella di sostenibilità, il mobility e l’office manager. Questo cambiamento comporta un investimento per l’azienda, ma il ritorno è il valore creato e percepito dai collaboratori, come quando si è riconoscenti – per dimostrarci di conoscerci così bene –  a chi ci fa un regalo gradito e che ci piace davvero.


QUALI SONO LE SOLUZIONI PIU0 APPREZZATE?
Monitoriamo regolarmente l’utilizzo e l’apprezzamento del welfare che abbiamo. Ad oggi i servizi più apprezzati – considerando anche il periodo – sono quelli relativi alla salute e al benessere, sia fisico sia psicologico. Di conseguenza sono molto apprezzate sia le palestre, ora “virtuali”, sia il servizio Parliamo di Cousenlig. Anche la copertura assicurativa – che trasmette un messaggio di cura e protezione – e i servizi per i figli sono particolarmente apprezzati.

Share: