Work life balance: perché è importante per i dipendenti?

Donna Smart Working

Con l’avvento delle nuove tecnologie e lo Smart Working, il lavoro è diventato sempre più connesso ed integrato con la vita privata. Da un lato la tecnologia ha migliorato la produttività, consentendoci di lavorare in modo più efficiente e veloce, dall’altro siamo tutti a rischio di burnout, la sindrome da stress per il troppo lavoro.

Proprio per questo, lo Smart Working dovrebbe essere considerato dall’azienda come un’occasione in più per introdurre iniziative a sostegno del Work Life Balance: offrire nell’ambito del Welfare Aziendale delle proposte che aiutino i dipendenti a far fronte a problematiche familiari e alla genitorialità, può sicuramente contribuire ad un maggiore rendimento sul lavoro.

Infatti, i piani di welfare aziendale e le misure che favoriscono il work life balance stanno diventando fattori sempre più determinanti nella scelta di un nuovo lavoro: un’azienda che si occupa del benessere dei dipendenti, ha sicuramente maggiori possibilità di attrarre i talenti del mercato.

In che modo il welfare aziendale può contribuire?

Le aziende che guardano oltre e mettono il benessere dei dipendenti al primo posto sono oggi sempre più numerose. Quando si parla di equilibrio tra vita privata e lavoro, va considerato che non esistono situazioni standard: il concetto di equilibrio è in continua evoluzione e cambia a seconda della situazione personale e dell’età.

Per un’azienda è importante dunque creare dei programmi mirati e personalizzati per andare incontro ai reali bisogni dei dipendenti. Quando si ha famiglia, organizzare il tempo e coordinare gli impegni personali e lavorativi può essere complicato. Responsabilità di un’azienda è proprio quello di affiancare il dipendente in questa difficile gestione.

In quest’ottica Jointly offre piani di welfare aziendale che permettono ai dipendenti di raggiungere un corretto work life balance.

Supporto alla vita privata e familiare: i nostri progetti di People Caring

I nostri piani di welfare aziendale mirano a sostenere l’equilibrio tra lavoro e vita familiare con iniziative specifiche, a beneficio di dipendenti e datori di lavoro.

Fragibilità è il programma Jointly rivolto a coloro che, oltre a lavorare, assistono familiari non autosufficienti. I dipendenti che aderiscono a Fragibilità possono contare su un servizio di consulenza specializzata e una rete di partner e strutture certificate in tutta Italia per organizzare e gestire l’assistenza dei propri familiari, alleggerendo cosi il loro carico di lavoro.

Kidintown, invece, consente ai genitori di scegliere e prenotare online campus, centri estivi e invernali per iscrivere i propri figli ad attività ludiche, sportive o linguistiche durante i periodi di chiusura della scuola.

Quali sono gli effetti di queste politiche di welfare?

Una buona politica di welfare avrà delle ricadute positive sia all’interno che all’esterno dell’azienda. Quando vita familiare e lavoro sono in armonia, i dipendenti sono più felici e rilassati e affrontano il lavoro con un atteggiamento collaborativo e positivo.

All’esterno, i programmi di welfare aiutano a consolidare l’employer branding, migliorano l’immagine aziendale e, di conseguenza, anche quella dei prodotti e servizi offerti.

Share: