Needo: l’asilo aziendale sostenibile, modulabile e che…si sposta!

Container asilo nido innovativo

Intervista di Fabio Galluccio a Vanessa Boccia, founder e CEO di NEEDO, l’innovativo asilo ”On Demand” che è entrato di recente a far parte della Piattaforma Welfare di Jointly e che può diventare la soluzione giusta per Aziende e PMI che hanno bisogno di abbinare flessibilità organizzativa e costi contenuti per rispondere alle sfide della  Neogenitorialità e della Conciliazione Vita Lavoro


Perché? Perché Needo è una soluzione modulabile secondo le esigenze del momento; un asilo che mette insieme la sostenibilità ambientale e che è possibile spostare fisicamente da una sede all’altra; completo di tutti i confort e rispettoso dei rigidi standard previsti dalla legge. Una soluzione ”chiavi in mano” dotata inoltre di un sistema pedagogico e di personale attentamente qualificato al servizio di tutte le  esigenze.

 

1) Buongiorno Vanessa, puoi aiutarci a capire come è nata questa vostra idea innovativa e particolare del ”Nido” on Demand? Quali esigenze andate a coprire e come lo fate?

Needo nasce innanzitutto da un’insoddisfazione in campo lavorativo. Questo ha dato l’input per partecipare a numerosi concorsi di idee dove mettere in campo la creatività che a causa della crisi era inevitabilmente messa a dura prova. Tra questi un bando per Expo 2015 in cui il tema era la donna.Come fare per migliorare alcuni aspetti della vita di una donna?

Mi sono appassionata al tema e pertanto ho cominciato a ricercare informazioni di carattere generico ed il dato della disoccupazione femminile mi ha sorpreso così tanto da provare a ricercarne le cause. In effetti tra le cause c’era proprio la mancanza dei posti nido con le lunghe liste comunalii costi elevati per i nidi privati e la mancanza di un supporto da parte dei nonni.

Tutti questi fattori influiscono sull’occupazione femminile in quanto una donna sarà portata a non cercare un posto di lavoro ed in molti, troppi casi, anche ad abbandonarlo.

 

Ogni anno, sono più di 30.000 le donne che sono state costrette ad abbandonare il posto di lavoro a causa dell’impossibilità di conciliarlo con la vita privata. Ho ragionato sulla possibile soluzione ed un nido on demand mi è sembrata fin da subito una bella idea, un nido in azienda che potesse accogliere i bambini nella fascia 0-3 anni, garantendo un sostegno alle famiglie.

 

2) Nella vostra esperienza, il nido aziendale è davvero uno strumento che migliora il Worklife balance dei dipendenti?

 

Un’azienda che decide di realizzare un nido dimostra sicuramente una forte apertura alle necessità del contesto sociale in cui opera e, più direttamente, una forma di attenzione alle esigenze dei propri collaboratori e dei loro bambini. E’ un modo per migliorare il clima aziendale e dare risalto all’immagine dell’azienda, ma soprattutto contribuire in maniera importante al miglioramento della qualità della vita delle lavoratrici e dei lavoratori.

Pensiamo solo al tempo risparmiato, il lavoratore la mattina porterà con sé il proprio bambino, senza tappe intermedie, talvolta scomode, soprattutto nelle grandi città. Oltre al tempo non è da sottovalutare anche l’aspetto economico, infatti avere il bambino in azienda consente di rientrare con un orario di lavoro full-time. Da troppi anni questo è diventato argomento di dissapori in azienda. Una madre talvolta sarebbe facilitata da un part-time proprio per poter conciliare la vita lavorativa a quella privata, ma spesso non è convenzionale per l’azienda.

 

Bimbi che disegnano in asilo
Needo: Interno di un container modulare

Con il nido in azienda tutto diventa più snello, il rientro dalla maternità, l’orario di lavoro, la possibilità di sviluppo e carriera delle mamme lavoratrici, senza dimenticarsi che misure di questo tipo influiscono positivamente su produttività e fidelizzazione.

3) La mappa dell’ISTAT disegna 212 nidi aziendali, per lo più nidi presenti nelle grandi aziende, Needo si presenta come una ottima possibilità per le piccole aziende, ma anche per Reti di Aziende presenti in un medesimo distretto territoriale. Ci vuoi spiegare la vostra filosofia?

 

La nostra offerta è rivolta prevalentemente alle PMI, il tessuto socio-economico del nostro Paese. La scelta di indirizzarci su queste realtà sta nel credere che, come ci dicono i numeri, anche la piccola impresa si sta accorgendo di come il welfare aziendale possa essere alla base di una crescita culturale, ma soprattutto economica. Dal 2016 ad oggi le aziende che attivano politiche di welfare sono raddoppiate ed il 60% solo nella sfera della conciliazione vita lavoro.

 

Inoltre crediamo che anche la micro-impresa possa essere un traino, del resto in ogni ambito l’unione fa la forza. Riuscire ad integrare il Welfare Aziendale ad un Welfare di Comunità credo sia una sfida che vale la pena affrontare.

 

4) Cambiando stabili e sedi, se le aziende hanno un nido al loro interno, viene perso l’investimento fatto. Con il vostro format invece il nido può essere trasportato nella nuova sede. Ci racconti come avviene  il trasloco da uno stabile ad un altro.

Quando ho pensato che questo servizio dovesse andare incontro ad un’esigenza ho pensato che dovesse farlo nel vero senso della parola, doveva spostarsi, raggiungere qualsiasi luogo in maniera semplice e funzionale. Tutto questo è possibile grazie alla scelta di “riutilizzare” container marittimi al fine di creare strutture modulari e sicure dove i bambini possono crescere ed imparare.

Il container è una struttura che in tanti paesi del mondo viene già utilizzata come abitazione o come attività commerciale. Una scelta di riutilizzo creativo in ottica di economia circolare che consente di dare nuova vita ad oggetti che spesso troviamo accatastati inutilmente in aree portuali o ferroviarie. Il trasporto può essere effettuato via ruota, treno o mare e l’implementazione è semplice e veloce.

 

5) Come si compongono i moduli di ”Needo”? Quali materiali vengono utilizzati? Come li progettate? 

L’elemento fondamentale di Needo è la modularità. A seconda delle esigenze, Needo ha la capacità di modificarsi, aumentare o diminuire gli spazi creando ambienti assolutamente su misura. Utilizzando i container come “contenitore” riusciamo anche a garantire gli aspetti green a cui oggi giustamente si da molta attenzione. I metalli di cui sono composti i container sono interamente ecosostenibili e la coibentazione interna è realizzata da materiali naturali. La progettazione interna è stata fatta mettendo al centro il bambino e le sue esigenze che avrà a disposizione un ambiente sicuro e confortevole.

modulo container asilo nido

6) Come garantite la qualità del corpo docente, dei menu per i bimbi e delle attività svolte durante la giornata e in cosa vi differenziate rispetto ai nidi tradizionali?

Nel team di Needo è presente la figura della coordinatrice pedagogica . Questa competenza era fondamentale per garantire una qualità educativa importante. Le educatrici sono formate internamente ed i partner sono tutti qualificati e ricercati in modo da soddisfare ogni tipo di esigenza. Riguardo il tema della differenziazione invece:

Crediamo che Needo sia una proposta innovativa e si possa differenziare  dagli altri nidi sostanzialmente per il tema della flessibilità.  E’ il primo nido on demand che ha la capacità di spostarsi comodamente e raggiungere qualsiasi luogo e lo fa offrendo uno spazio modulare, personalizzabile, antisismico ed ecosostenibile. Inoltre Needo è possibile portarlo anche all’interno delle mura aziendali, una doppia soluzione pensata per chi non ha lo spazio dove ospitare i container.

 

7) Ci racconti come avete conosciuto Jointly e cosa vi aspettate da questa partnership?  

Abbiamo avuto il piacere di incontrare Jointly già qualche anno fa, all’inizio di questo meraviglioso percorso imprenditoriale. Ci siamo incontrati nuovamente di recente dopo alcuni step fondamentali che ci hanno portato ad avere una consapevolezza ed una struttura più definita. Oggi siamo molto orgogliosi di poter dire che facciamo parte di una rete così importante e ci aspettiamo di poter crescere insieme e raggiungere obiettivi importanti.


Per maggiori informazioni sui di servizi legati all’Infanzia, alla genitorialità ed alla conciliazione vita – lavoro che Jointly mette a disposizione delle Aziende, contatta un nostro Welfare Advisor

Share: